Corciano: uno dei Borghi più belli d’Italia

Quando viaggio per l’Italia se ho tempo non manco mai di visitare uno dei Borghi segnalati in questo sito.

Un paio di anni fa mi trovavo a Perugia con mio marito e dopo aver consultato il sito di cui sopra, abbiamo deciso di fare una capatina a Corciano, che era vicinissimo a dove ci trovavamo noi e devo dire che quel borgo mi è rimasto davvero nel cuore.

Ora vi raccondo la nostra esperienza.

Era un week-end di luglio e faceva davvero caldo, per arrivare a Corciano si deve attraversare una meravigliosa campagna coltivata ad ulivi che appaga la vista e mette di buon umore, soprattutto per due milanesi abituati a correre sempre e al traffico.

Arriviamo a Corciano un po’ prima dell’ora di pranzo e ci ritroviamo in un borgo praticamente deserto (viste le temperature) e quindi silenziosissimo. Ci siamo quindi messi a passeggiare lentamente per il borgo alla ricerca del ristorante in cui avevamo prenotato. Inutile dire che essendo un Borgo medievale le strade sono strette, le case di pietra e molto vecchie.

esempio di abitazioni di Corciano.
Corciano si trova su un colle, quindi qualche salita per arrivare c’è, ma ragazzi, è di una bellezza senza tempo. Ci si aspetta da un momento all’altro di vedere passare cavalieri a cavallo e dame vestite con costumi del tempo. In effetti durante la visita abbiamo scoperto che ogni anno si tiene una festa in costumi medievali e deve essere davvero bellissima.

Colle di Corciano
Colle di Corciano
Ci si trova catapultati indietro nella storia; tutto contribuisce a far sembrare che il tempo si sia fermato, dalle mura fortificate allo stile degli edifici, la torretta. Non fosse per le macchine parcheggiate e le persone che ogni tanto passano con il cellulare in mano sembra davvero di essere tornati in un’altra epoca.
Sono rimasta stupita nel vedere, all’ingresso del borgo, una di quelle gabbie dove si appendevano i condannati a morte, dove venivano lasciati morire di fame. Questo rende davvero l’idea della storia antica di questo Borgo.


Ad un certo punto della nostra visita, non trovando il ristorante, scoviamo un bar aperto con dei tavolini su una piazza meravigliosa con vista su una distesa di ulivi e sulla campagna.

Ci prendiamo quindi una bibita e ci sediamo in religioso silenzio a contemplare gli ulivi e a godere dell’aria che portava sotto il nostro naso i profumi della campagna umbra. E’ stata una esperienza quasi mistica, come devo dire spesso accade in Umbria.

vista dalla piazza
Ad un certo punto lo stomaco vuoto si fa sentire e ci rendiamo conto che è giunta l’ora di pranzare. Troviamo quindi il ristorante e ci aspetta nuovamente una bella sorpresa perchè la meravigliosa Locanda San Michele si trova in un edificio del ‘300, quindi anche il pranzo è stato una esperienza “storica” oltre che sensoriale perchè abbiamo mangiato divinamente.

Alla fine del pranzo siamo tornati molto lentamente alla macchina, assaporando fino alla fine questo Borgo, che devo dire è assolutamente e meritatamente uno dei Borghi più Belli d’Italia.

Un commento

Lascia un commento