EXPO Milano 2015: consigli per una visita

Ciao  a tutti,

dopo 3 visite ad Expo mi pare giunto finalmente il momento di raccontarvi la mia esperienza, vi metto giusto un paio di foto perchè tanto sul web potete trovarne di dettagliate e sicuramente migliori di quelle che ho fatto io.

Dunque, la mia esperienza si basa su una visita giornaliera in giugno, una serale e un’altra giornata intera in settembre.

Alla luce di tutto ciò mi sento di dare qualche consiglio pratico:

  • i biglietti chiaramente li potete trovare scontati ormai quasi ovunque: supermercati, associazioni, banche ecc. Sarebbe assurdo comprarli a prezzo pieno dal sito di Expo;
  • bisogna necessariamente arrivare al sito con in mano un biglietto, fare la coda per acquistarlo significa perdere tempo prezioso;
  • per via delle code e del costo è meglio portarsi dei panini da casa, ci sono molte zone dove potete sedervi a mangiare, lontano dal Decumano;
  • portare una bottiglietta di plastica di acqua in modo da poter sfruttare le numerose case dell’acqua che erogano acqua naturale e frizzante gratuitamente;
  • evitare accuratamente l’ingresso serale nel week-end, c’è una caos inaccetabile e alcuni padiglioni chiudono gli ingressi già dalle 19.30;
  • vestirsi comodi con scarpe ammortizzanti, si cammnina serenamente anche 15 kilometri.

Come organizzare la visita?

Difficile da consigliare, ognuno di noi ha preferenze personali ma a mio avviso la logica sarebbe quella di affrontare le code più lunghe la mattina quando si è ancora freschi e lasciare i padiglioni meno caotici per il resto della giornata.

Ecco perciò come consiglierei di organizzare, fermandomi ai primi 15:

  1. Giappone. Visto che si fanno sicuramente ore di coda è meglio tenerlo per primo, appena entrati precipitatevi in coda e armatevi di santa pazienza. Secondo me ne vale la pena fino a due ore, oltre no.
  2. Padiglione Zero, è quello che più fa capire la questione dello spreco di cibo e quindi per me è uno dei migliori.
  3. Emirati Arabi Uniti
  4. Korea del Sud
  5. Angola
  6. Marocco
  7. Cina 
  8. Kazakhstan
  9. Arzebaijan
  10. Thailandia
  11. Cibi del Futuro, credo che sia abbastanza fondamentale vederlo per capire a cosa si va incontro.
  12. Germania
  13. Regno Unito. Devo dire la verità, non mi è piaciuto per niente, ma tutti continuano a dare premi e meriti a questo padiglione, quindi forse sono io a non averlo capito.
  14. Brasile, carino, ma in realtà è solo una grade rete. Divertente ma nulla di che.
  15. Cile – Israele – Qatar – Oman parimerito.

Non mi sono piaciuti per nulla gli Stati Uniti e il Nepal, quest’ultimo fa rimanere ore in fila ma in effetti dentro non c’è gran che.

In merito al padiglione della Svizzera devo dire che è imperdibile, credo sia forse l’unico padiglione dei Paesi ad aver compreso il senso di Expo a pieno, la visita si deve prenotare da questo sito: prenotazione Svizzera

Il Padiglione Italia: uno dei più belli a detta di molti (a me non è piaciuto) bisogna sapere che rimarrà aperto anche dopo la chiusura di ottobre, credo sia quindi meglio concentrarsi su altri padiglioni e risparmiare un sacco di coda adesso.

L’albero della Vita è un vero spettacolo, vale assolutamente la pena fermarsi fino al buio solo per questo. Bellissimo!


Ricordate che quanto dico in questo articolo rappresenta la mia personale opinione, anzi mi farebbe piacere sapere cosa ne avete pensato voi della visita ad Expo e quali sono stati i vostri padiglioni preferiti. Fatemi sapere!

Lascia un commento