Vipiteno o Sterzing: un borgo medievale nell’alta valle dell’Isarco

Ciao a tutti!

Sono appena tornata da una vacanza nella mia adorata Val Pusteria, ma purtroppo il tempo era pessimo, così un giorno siamo andati a visitare Vipiteno (in tedesco Sterzing), che è uno dei Borghi più belli d’Italia e si trova nell’alta valle dell’Isarco.

image

La città è molto piccola, si visita tranquillamente in una giornata, praticamente è tutto nel centro storico, che è di fatto solo una via su cui si affacciano i principali monumenti, come si vede bene nella foto qui sotto.

Il Municipio è senza dubbio uno dei principali luoghi da visitare. E’ stato sede di varie riunioni in occasioni di importanti avvenimenti storici della zona, come per esempio per la convocazione straordinaria del consiglio durante la rivolta contadina.

image
l’edificio grigio/bianco a sinistra con la finestra a torre e i portici è il Municipio.

All’interno del cortile del Municipio si può ammirare una copia della Stele di Mitra, reperto riconducibile al culto della divinità Mitra. Si tratta di un stele realizzata in pietra calcarea e raffigurante il sacrificio di un toro. Il ritrovamento è importante perchè testimonia la presenza dei Romani a Vipiteno. L’originale è conservato presso il Museo Archeologico di Bolzano.

Altra testimonianza della presenza dei Romani in città è il cippo miliare romano datato 201 a.C., anch’esso si trova nel cortile interno del Municipio.

stele e cippo
a sinistra il Cippo, a destra la stele di Mitra.

Vicino al Municipio c’è la statua in marmo bianco rappresenta San Giovanni Nepomuceno, venerato come santo protettore contro le alluvioni. Venne costruita nel 1736 di fronte al Municipio, per proteggere la città dalle alluvioni causate dal Rio Valler, torrente che ha più volte inondato la città.

image
la statua di spalle

s. giovanni nepomuceno

La Torre delle Dodici, detta anche torre civica, è però il monumento più famoso ed emblema di Vipiteno; separa il centro storico in una zona nord, detta Città Vecchia, e la Città Nuova. a sud. E’ stata la prima cosa che abbiamo visto entrando in città.

image
Torre delle Dodici
image
Io e la Torre delle Dodici, e un sacco di pioggia!

Il centro storico è ricco di case dalle facciate bellissime, da ammirare tutte con il naso all’insù. Oggi ci sono tanti negozi dove fare shopping e bar dove fermarsi a bere un buon caffè.

image image

Ma passiamo ora alle chiese.

La chiesa parrocchiale di Vipiteno, Nostra Signora delle Paludi, è senza dubbio interessante ma ho apprezzato di più la Chiesa di Santo Spirito, in Piazza della Città Vecchia, perchè ci sono al suo interno splendidi affreschi. Venne realizzata nel 1399 insieme all’edificio adiacente, adibito in origine ad ospedale. Gli affreschi sono opera del maestro Giovanni da Brunico, principale rappresentante della scuola pittorica di Bressanone e della Val Pusteria.

chiesa di santo spirito

Peccato per la pioggia battente e continua, che rende la visita a qualsiasi città una vera sfida.

Vipiteno è un piccolo borgo davvero carino, a cui dedicare anche solo una mezza giornata se siete in quella zona. Non dimenticate che, anche qui, nel periodo di Natale ci sono i famosi mercatini dell’Alto Adige, chissà che non possiate pianificare una visita proprio in quel periodo.

Il Mondo secondo Gipsy è su Facebook!

8 commenti

  1. Ciao, sono Claudia di Voce del Verbo Partire. Come ti ho scritto su Twitter, sono venuta a sbirciare con piacere il tuo articolo, perché mi sono innamorata follemente di Vipiteno, due anni fa.
    È stata la nostra favola di Natale, insieme a Bressanone, dove abbiamo festeggiato l’ottavo anniversario di matrimonio.
    Un borgo dall’atmosfera unica, che mi ha lasciato dentro un’impronta indelebile.
    Quella volta abbiamo soggiornato a 5km di distanza, al Goldener Lowe di Campo di Trens. Magia pura.
    Mi ha fatto piacere rivivere Vipiteno attraverso le tue parole!
    Claudia B.

    1. Grazie! Io amo follemente tutto l’Alto Adige e dando un’occhiata al tuo blog ho visto che anche tu hai tanti articoli su alto adige e tirolo!

      1. Hai visto! Mi capita bene o male di inciampare in questa passione, almeno una volta all’anno. Ma come si puó resistere a quei panorami, ai profumi, ai sapori?
        Claudia B.

Lascia un commento