Malta, come organizzare un viaggio nel modo giusto

Ciao Viaggiatori!

oggi vorrei spendere due parole su come, se un viaggio non viene organizzato bene, si rivela un disastro. Ho quindi approfittato dell’esperienza a Malta di una ragazza, Maria Sole, per confrontare la sua esperienza (ben organizzata) con una mio viaggio a Malta di tanti anni fa, in cui, viaggiando con amici in super economia, l’esperienza maltese si è rivelata pessima. Spendo quindi solo due parole per dire come non si deve organizzare un viaggio.

Intanto non si deve scegliere la meta a caso, ma del resto, un gruppo di ragazzi di 20 cosa volete che facciano? Scelgono la meta più economica, l’albergo più economico e non pensano molto ad altro. Siamo arrivati a Malta senza quasi capire perché eravamo lì, senza aver guardato nemmeno una mezza recensione dell’albergo ed eravamo nella città più caotica di Malta. Io avevo preso una guida del paese ma, alla fine, siamo riusciti a vedere ben poco perché facevamo vita notturna. Inutile dire che non ho un buon ricordo di Malta ma non è certo colpa dell’isola! Non è così che si viaggia, inutile che ve lo dica.

Ecco perché ho deciso di lasciare che sia Maria Sole a raccontare Malta, questo è il viaggio che farei io oggi a Malta, lascio a lei la parola!

5 cose che mi hanno fatto innamorare di Malta

By Maria Sole

Perché ho scelto di andare a Malta? Non solo per il sole, per le sue spiagge bagnate da acque cristalline e per la sua natura splendida, ma anche perché è ricca storia e di arte, con tante cose interessantissime da visitare, tra cui ben tre siti dichiarati patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. E poi, è anche vicina: a soli 80 km dalle coste della Sicilia!

La mia decisione di partire per questa nuova avventura è stata abbastanza veloce. Malta è sempre stata una delle mete che mi frullava nella testa da un po’ di tempo.. e ovviamente non potevo assolutamente rinunciare a questo volo a/r a meno di 100 euro. Non potevo far altro che preparare le valigie 🙂 Ovviamente anche per questo volo aereo sono riuscita a trovare la tariffa migliore attraverso Skyscanner, io mi affido sempre a questo portale prima di prenotare, anche solo per farmi un’idea su quale compagnia affidarmi, o semplicemente per farmi qualche viaggio mentale.

Fin da subito ho voluto orientare la mia visita sulle attrazioni archeologiche e sulle meravigliose spiagge da sogno. Come punto di partenza, ho scelto di alloggiare a La Valletta, soprattutto per essere comoda per l’utilizzo degli autobus, e per l’aeroporto, che dista all’incirca 9 km. Per dormire a Malta vi consiglio sempre di prendervi in anticipo e scegliere bene dove alloggiare in base a quello che volete visitare.

Come mezzo di trasporto per girare l’isola, io vi consiglio di farlo in autobus come vi ho accennato sopra, anche perché ricordate che loro hanno la guida a sinistra! Vi consiglio anche di fare la Tallinja Card che con circa 21 euro (per gli adulti), permette di viaggiare ininterrottamente.

Fanno parte dell’arcipelago maltese tre isole, Malta, Gozo e Comino, tutte da vedere, ma la visita non può che cominciare da La Valletta, la capitale, e, in particolare, dal suo centro storico, che mi ha davvero incantata. Perfettamente conservata, questa zona della città, dichiarata patrimonio mondiale dell’Umanità dall’UNESCO, è caratterizzata da un districarsi di vicoli e stradine su cui si affacciano palazzi storici, chiese, musei e monumenti. Vi consiglio anche una passeggiata per Republic Street, con le sue boutique prestigiose, e una visita alla Cattedrale di St. John, che conserva ben due dipinti del nostro Caravaggio.

Cattedrale-St-John
cattedrale St. John

Anche il Palazzo del Grande Maestro merita il viaggio: costruito nel 1571, è un edificio, in parte aperto al pubblico, imponente e affascinante, che è stato la sede dell’ordine dei Cavalieri di Malta ed è ricco di affreschi, di arazzi, di collezioni di armi antiche e di armature.

Valletta-01
Valletta

Mi è piaciuta tantissimo anche M’dina, l’antica capitale di Malta, situata a circa 200 metri sul livello del mare, che conserva un centro storico antichissimo, con tante cose da vedere e da visitare, tra cui la Cattedrale di San Paolo, del 1600, e il Palazzo Falson, la dimora normanna più antica della città, che conserva anche diverse opere del pittore Van Dyck.

Anche i Templi di Ggantija, che si trovano sull’isola di Gozo, sono stati dichiarati patrimonio mondiale dell’Umanità dall’UNESCO ed è stata per me davvero un’emozione visitarli: edificati intorno al 3.600 a.C., date le loro grandi dimensioni, si credeva che fossero stati costruiti proprio da giganti e da qui il loro nome. Sono i resti di due edifici imponenti dove si sono rinvenuti diversi reperti che ora sono ospitati dal Museo Archeologico di Gozo.

Sempre in tema di archeologia non potevo mancare una visita all’unico tempio preistorico sotterraneo del mondo, l’Ipogeo di Hal Saflieni che si trova a Paola, vicino a La Valletta, anch’esso patrimonio UNESCO. Risalente al 3600 a.C. è costituito da tre livelli con molte stanze con decori e dipinti. Da non perdere la Stanza dell’Oracolo in cui c’è un foro attraverso cui la voce maschile – e non quella femminile – risuona in tutto l’ipogeo.

Naturalmente, sono andata a Malta anche tuffarmi nel suo mare limpidissimo. Due, a mio parere, le mete irrinunciabili: la Blue Lagoon, situata sull’isola di Comino, che è una spiaggia bianca lambita da acque trasparenti, paradiso degli amanti delle immersioni subacquee, e l’isola di Gozo, con la celebre Grotta di Calipso, dove, secondo la leggenda, fu tenuto prigioniero Ulisse per sette anni, che si trova sulla spiaggia rossa di Ramla. La terza in classifica, secondo me, è sull’estremità nord occidentale dell’isola e si chiama, non a caso, Paradise bay, una piccola baia sabbiosa circondata da lunga scogliera. I migliori panorami, però, li ho visti sulla spiaggia chiamata Imgiebah, un po’ difficile da raggiungere, ma ve lo garantisco: ne vale proprio la pena!

Sempre a Gozo, fino all’ 8 marzo di quest’anno, si poteva ammirare l’Azure window, uno spettacolare arco naturale che era considerato il simbolo di Malta, ma che è stato distrutto da un forte temporale. Sembra, però, che già sia stato trovato il degno erede della Finestra Azzurra: si tratta della Wied Il-Mielah Window, che si trova nell’omonima valle, sempre sull’isola di Gozo.

Oltre alle tante cose da vedere e da fare di cui vi parlato, un motivo in più per andare a visitare Malta, giusto?

Che dite, Maria Sole vi ha convito a visitare Malta?

 

 

18 commenti

  1. Leggo sempre pareri discordanti su Malta: c’è chi l’adora e chi ne è rimasto profondamente deluso. Io appartengo alla prima categoria: questo suo aspetto un po’ polveroso e a tratti trasandato, quasi un’immagine sbiadita dell’Italia anni 50 con qualche sfumatura d’inglese, per me la rendono unica. Un viaggio che sicuramente ripeterò, con qualche accorgimento in piuù visto che anch’io ci sono andata con la testa da ventenne (inoltrata)!

    1. anche io faccio parte di coloro ai quali non è piaciuta ma appunto, ho viaggiato male su Malta e questo fa tutta la differenza. Devo dare una seconda opportunità!

  2. Noi siamo innamorati di Malta…. e in particolare della selvaggia Gozo…. il nostro viaggio è stato poco organizzato …. ma i maltesi ci hanno aiutato in tutto ciaooo

    1. Non è tanto quanto è organizzato ma come si viaggia! Si può tranquillamente partire senza avere prenotato nulla, anzi è ancora più bello perché devi affidarti alle popolazioni locali.

    2. Gozo è davvero magnifica… selvaggia appunto come hai detto tu ma allo stesso tempo magnifica. Anche i suoi abitanti come hai detto tu sono davvero fantastici e sempre propensi ad aiutarti.

  3. Ciao! anche io sono fra quelli a cui Malta non è piaciuta troppo.. ma solo perchè ci sono andata a ferragosto. Non avevo 20 anni e non sono andata nella zona più caotica dell’isola, però ugualmente per me c’era troppo casino, e purtroppo anche troppo sporco. Però ho girato abbastanza e quello che ho visto mi è piaciuto.. questo viaggio l’ho fatto nel lontano 2005, e non è detto che non ci ritorni, sicuramente non a luglio o agosto però. Come monumenti vorrei segnalare anche i templi di Hagar Qim. 🙂 ciao!

      1. Io per abitudine torno sempre due volte in un posto che non mi è piaciuto. Voglio avere la possibilità di essere smentita!

    1. Anche se devo dire che fino ad ora quando sono tornata in un posto che non mi è piaciuto la prima impressione non si è smentita. Ma in questo caso particolare voglio tornare perché non posso manco dire di aver visto Malta!

Lascia un commento