animali drogati

Animali drogati per un selfie: basta!

Ho deciso di scrivere qualche riga per parlare di un tema che mi sta a cuore.  E’ responsabilità di ogni viaggiatore rispettare luoghi, popoli ed animali. Di conseguenza non è possibile che nel 2017, quasi 2018, ci sia ancora il web pieno di gente che posta foto con animali drogati.

Sono davvero stufa di vedere sul web foto di persone sorridenti che posano accanto ad animali in evidente stato alterato. Come è possibile non rendersi conto che la tigre qui sopra non dorme ma è drogata? Mi viene una rabbia che fatico a contenere.

Animali drogati: no grazie!

Questo è il grido che vorrei lanciare sul web e sui social. Capisco che possa essere bello riportare a casa l’immagine di se accanto ad una tigre. Ma ci siamo fermati un attimo a pensare cosa c’è dietro? Sfruttamento, percosse e schifi vari.

Per favore basta foto con iguane sulla spiaggia, elefanti in catene, grandi felini addormentati. Non è bello, non fa figo. E’ solo uno schifo.

Viaggiare responsabilmente

Viaggiare significa essere responsabili, non possiamo più tollerare queste cose. Gli animali vanno fotografati in natura, durante un safari o in barca, a distanza di sicurezza. Non pensiamo solo a condividere e cercare il brivido. Bisogna soprattutto rispettare il prossimo e gli animali, che purtroppo, in queste situazioni sono ancora più indifesi ed inermi delle persone.

E’ capitato a tutti, nel mondo, di essere avvicinati da qualcuno che propone la foto con un animale. Ma basta dire di no, se tutti dicessimo di no, nessuno si proporrebbe. Per favore basta con questo schifo.

Non rendiamoci complici dello sfruttamento degli animali.

Aiutatemi a diffondere questo grido!

5 commenti

  1. Hai perfettamente ragione. Purtoppo vigiamo nell’epoca dell’imbecillità più totale. Parlare con la gente del posto, conoscere la loro cultura, magari farsi aiutate da loro a scovare un ristorantino dove si mangia la vera cucina di quel posto, quali sono iposti migliori da vedere, questo dev’essere il senso della vacanza e da qui devono scaturite i ricordi da portare a casa. Un selfie con una tigre presumibilmente alterata, no. È crudeltà verso gli animali. Bisogna evitare di mettere “like” alle foto di questi incivili. Ciao

    1. Guarda ogni volta che vedo qualcuno che si scatta una foto accanto ad un animale maltrattato per il gusto dei turisti vorrei andare a menarlo!

Lascia un commento