10 luoghi da vedere prima che scompaiano

10 luoghi da vedere prima che scompaiano

Oggi ho un articolo triste da scrivere. Ce ne siamo accorti tutti, il clima sta cambiando. Inutile nascondere la testa sotto la sabbia. Mi ha fatto molta impressione settimana scorsa leggere la notizia del primo uomo “profugo del clima”, un abitante delle isole Fiji. Così mi sono documentata un po’ e ho stilato una lista di 10 luoghi da vedere prima che scompaiano a causa del cambiamenti climatici.

10 luoghi da vedere prima che scompaiano

Maldive

Sono nella lista da tempo, queste piccole gocce di terra nell’oceano Indiano sono tra quelle che prima scompariranno quando i ghiacci che si sciolgono causeranno l’innalzamento del mare.

Venezia

Stesso motivo di cui sopra, stiamo aspettando da decenni la realizzazione delle barriere Moser ma per ora la laguna e la città restano in pericolo.

Kiribati

Come per le Maldive, queste perle del Pacifico sono in estremo pericolo. Le isole stanno già affondando oggi. In realtà tutte le isole del Pacifico hanno lo stesso triste destino, vedi la storia del profugo climatico delle Fiji.

Belize: barriera corallina

In realtà sembra che siano in pericolo un po’ tutte le barriere coralline del mondo. Il surriscaldamento del mare ha un impatto disastroso sulle barriere coralline che svolgono un ruolo fondamentale nell’ecosistema terreste.

Mar Morto, Israele

Vero che non ci vive nulla all’interno, ma si sta letteralmente prosciugando, e non mi piace affatto. Destino analogo ce l’hanno altri grandi laghi nel Mondo.

Ghiacciai delle Alpi

Che non nevichi più come 20 anni fa ce ne siamo accorti, ma pare che entro il 2100 non avremo più ghiacciai nelle Alpi. Non avremo più nemmeno una riserva d’acqua dolce. E a me questo fa parecchia paura.

Alaska

A proposito di riserve d’acqua… Anche l’Alaska è in serio pericolo, dato che è composto principalmente di permafrost, ghiaccio perenne che si sta inesorabilmente sciogliendo.

Foresta Amazzonica

La stiamo deforestando, radendo al suolo ogni giorno di più. Peccato che sia il polmone del mondo e che ogni albero tagliato lì abbia conseguenze fino a noi e oltre.

Monteverde cloud forest, Costa Rica

Il Costa Rica ha una biodiversità unica al mondo, che però è serio pericolo per via dell’aumento della temperatura. Qui sono a rischio animali e piante, in quello che uno dei più importanti polmoni verdi della Terra oltre all’Amazzonia.

Groenlandia

La Groenlandia si sta riscaldando al doppio della velocità rispetto al resto del mondo. Il  ghiaccio si sta riducendo di circa 200 chilometri cubi l’anno.

Ovviamente ho fatto degli esempi. Tutti i bacini idrici del mondo sono a rischio, così come tutti i i ghiacciai e l’Antartide. Non ho nemmeno inserito nella lista tutti i luoghi a rischio a causa dell’urbanizzazione selvaggia e gli animali a rischio di estinzione per colpa nostra. Visto che siamo viaggiatori, mi sono limitata a citare 10 luoghi da vedere prima che scompaiano, ma le considerazioni da fare sono decisamente più profonde e ampie.

Insomma la Terra è una e ci viviamo noi, l’idea di viaggiare su Marte per quanto futuristica non mi pare tanto praticabile. Speriamo che si faccia di più per limitare questi cambiamenti e che la lista di questi 10 luoghi da vedere prima che scompaiano si possa cancellare.

Chiudo questo articolo con una riflessione. Ho letto tempo fa un proverbio dei nativi americani che mi pare particolarmente calzante, mi chiedo proprio se non possiamo fare di meglio…

Non ereditiamo la terra dai nostri avi; la prendiamo in prestito per i nostri figli. Nostro è il dovere di restituirgliela.

23 commenti

      1. Io voglio vedere le Maldive e qualcosa nell’Artico prima che sia tardi, ma mi crea angoscia infinita pensare in questo modo.

      1. bhe infatti! direi che in ogni caso cadi in piedi! Io purtroppo non ho ancora nulla di pianificato nel 2018, a parte un week end a Colonia, ma quest’anno ho da affrotnare altri progetti quindi mi sa che va così…

      2. esatto! poi mi conosco, ne ho troppo bisogno, un viaggetto me lo invento sicuramente!

Lascia un commento