sayonara tax

Giappone e tassa d’uscita, arriva la Sayonara Tax

Se avete in programma un viaggio in Giappone, fate attenzione, da Gennaio 2019 dovrete pagare una nuova tassa. Si tratta di una tassa d’uscita dal Paese, che è già stata soprannominata Sayonara Tax.

Quanto costa la tassa d’uscita “Sayonara Tax”

Dal 7 gennaio 2019, tutti i viaggiatori che arriveranno e lasceranno il Giappone (compresi i giapponesi) in nave o in aereo dovranno pagare una  tassa, di 1000 Yen, (all’attuale tasso di cambio 7.54 euro). Solo i bambini sotto i 2 anni sono esonerati oppure chi effettua uno scalo  di meno di 24 ore.

A cosa serve la Sayonara Tax

Il governo ha come obiettivo raggiungere i 40 milioni di visitatori internazionali all’anno entro il 2020. La Sayonara Tax dovrebbe portare nelle casse giapponesi una cifra pari a circa 310 milioni di euro: cifra  destinata a promuovere l’immagine del Giappone nel mondo oltre che ad implementare tecnologie ed infrastrutture dedicate al turismo. Verranno inoltre migliorate le procedure di sicurezza, velocizzate le procedure di immigrazione e installati più hot-spot Wi-Fi gratuiti. Nel 2016 l’Agenzia del turismo giapponese ha fatto un sondaggio sui turisti stranieri ospiti nel paese del Sol Levante. Il problema più diffuso emerso è la difficoltà di comunicazione. Quindi è qui che pare verranno destinati la maggior parte dei soldini: per guide parlanti più lingue e per l’aumento della segnaletiche multilingua, specialmente nelle aree rurali.

Quali altri paesi hanno la tassa d’uscita?

In Brasile, in Australia, in Giamaica, nel Regno Unito e Corea del Sud questa tassa  è in vigore già da qualche anno, spesso con costi più alti rispetto ai 7 Euro della Sayonara Tax giapponese.

Ci sono altre tasse legate al turismo in Giappone?

Quasi tutte le città principali giapponesi adottano già la tassa di soggiorno, il cui costo varia di città in città.

Anche se l’importo della tassa non è alto, alcuni funzionari ed operatori del settore turistico (giapponesi e non) hanno espresso preoccupazione per la possibilità che la tassa possa disincentivare il turismo.

Sinceramente non credo proprio che sia questo il caso; chi decide di affrontare un viaggio in Giappone non penso proprio che si farà fermare da 7 Euro!

Voi che ne dite?

10 commenti

  1. Ciao, ma cos’è una tassa di soggiorno? in Italia la tassa di soggiorno varia da 0,50 cent a 1€ nei campeggi e non investono in nulla direi che 7€ non sono pochi sono un furto se visito il paese, certo è meglio una tassa esplicita che tutte quelle nascoste che paghiamo qui in italia per mantenere i politici fannulloni… Non credo che nei prossimi vent’anni riuscirò ad andare in Giappone ma già mi da fastidio la tassa di 1 € in italia… al giorno mi sembra, non una-tantum… ma su certe cose mi vengono le allergie… un saluto da Salvatore.

    1. la tassa di soggiorno è come quella italiana, si paga a notte a persona e la tariffa varia come in Italia. Purtroppo non ci possiamo fare nulla su questo tipo di tasse… Ma del resto non sono 7 euro che faranno la differenza. Tieni presente che la tassa d’ingresso c’è in molti paesi, in Repubblica Dominicana ho pagato 10 euro, negli USA la camuffano come ESTA ma di fatto è una tassa di ingresso di 15 dollari… Oltre che le varie tasse di soggiorno che sono comunque presente. In Giappone invece che la tassa di ingresso c’è quella di uscita… Poco cambia!

      1. sì… esatto. è ormai prassi quasi ovunque che ci sia la tassa d’ingresso e poi quella di soggiorno.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.